COME SI LEGGE UN’INSERZIONE
Le inserzioni sono il mezzo di comunicazione principale tra domanda ed offerta di lavoro: possono infatti essere pubblicate sia dai datori di lavoro che dai lavoratori. Le inserzioni pubblicate dalle aziende e da società specializzate che ricercano personale per conto di aziende mirano a raggiungere un grande numero di candidati, per poi selezionare i migliori. Per capire la qualità degli annunci vale la pena leggere quanto di seguito proposto.

COME EVITARE I TRANELLI
Un buon annuncio è quello trasparente ed onesto, mentre un cattivo annuncio usa uno stile di comunicazione ambiguo e non esplicita chiaramente le proprie intenzioni.
Sono in aumento le inserzioni civetta, che usano uno stile poco diretto e generico. Si riportano di seguito una serie di esempi di annunci che nascondono dietro allettanti promesse e grosse delusioni:
• “Lavoro dinamico con prospettive di guadagno interessanti”
• “Azienda offre lavoro a domicilio, lauti guadagni”.
• “Società ricerca diplomati età 19-25 anni per vari settori merceologici”.
Se nell’annuncio è indicato il numero di cellulare, bisogna sempre diffidare o comunque verificare, potrebbe nascondere un’azienda inesistente. Attenzione anche agli annunci in caratteri microscopici e a quelli che si ripetono per molto tempo.
Di seguito vengono riportati alcuni indicatori che fanno capire il doppio volto di un’inserzione:
¬ la richiesta di somme di denaro;
¬ proposte di lavoro a domicilio (da non confondere con il telelavoro);
¬ corso a pagamento camuffato da assunzione;
¬ inserimento in una banca dati a pagamento;
¬ lavoro di venditori, spesso porta a porta offrendo provvigioni senza fisso;
¬ i centralini che promettono di segnalare occasioni ed opportunità di lavoro… attenzione alla bolletta!
¬ catene di Sant’Antonio.

L’INSERZIONE AFFIDABILE
Per riuscire a capire se l’inserzione è veramente affidabile, la stessa dovrà contenere quattro informazioni:
1) Chi è l’azienda che offre un lavoro e in quale settore opera. Non fidatevi delle inserzioni anonime. Il nome dell’azienda o quello della società di selezione del personale incaricata di effettuare la ricerca deve essere sempre identificabile.
2) Che cosa si richiede al candidato all’assunzione. Si deve capire subito di quale lavoro si parla e qual è la posizione ricercata (titolo di studio, la qualifica e le competenze professionali)
3) Che cosa viene offerto, la mansione proposta, l’inquadramento e la sede di lavoro.
4) Come si svolge l’iter di selezione.

Ogni inserzione indica due tipi di requisiti: requisiti palesi e requisiti nascosti. Riuscire ad individuarli entrambi permette di verificare se si è interessati al posto offerto.

Esempio: Cercasi impiegati per lavoro telefonico 3 – 6 ore al giorno. Stipendio fisso + provvigioni.

REQUISITI PALESI
*qualsiasi titolo di studio
*part-time
*uso del telefono
*lavoro a provvigione

REQUISITI NASCOSTI
*probabile vendita per telefono
*capacità di convinzione
*gentilezza e pazienza
*tono di voce gradevole